‘Vini e chef della Lombardia’, il Garda protagonista

Vigneti-della-Perla-del-Garda-di-Giovanna-Prandini
Vigneti della Perla del Garda

L’eccellenza enogastronomica lombarda conquista la scena milanese dove per tre mesi sarà protagonista con ‘Vini e chef della Lombardia’ e offre una vetrina speciale per il vino del Garda.

La rassegna enogastronomica, sostenuta dalla Regione Lombardia attraverso il Programma di sviluppo rurale, nasce dalla collaborazione di Identità Golose Milano (l’hub di cucina internazionale in via Romagnosi 3) con Regione Lombardia e Ascovilo (Associazione dei 13 Consorzi di Tutela Vini Lombardi).

Apertura di ‘Vini e Chef di Lombardia’ col Garda DOC

Apertura dedicata al Consorzio Garda DOC protagonista nel mese di settembre di quattro eventi dove il piacere dell’alta cucina si unirà a quello dei vini spumanti e varietali Garda DOC.

Il 6 settembre l’apertura di Vini e Chef della Lombardia alle 18 avrà il Garda protagonista. E sarà con una masterclass condotta dal Consorzio di Tutela che prevede la presentazione della denominazione e le sue peculiarità. Al centro della masterclass l’inconfondibile terroir enologicamente vocato e il percorso qualitativo in chiave sostenibile promosso dal Consorzio.

Prandini (Ascovilo): lavoro per valorizzare i vini di Lombardia

Prandini-Giovanna-Ascovilo
Giovanna Prandini, presidente Ascovilo

“Mai come in questo momento penso che si percepisca la necessità di fare un lavoro organico di valorizzazione dei vini di Lombardia – ha rimarcato Giovanna Prandini, presidente di Ascovilo – in particolare a Milano che rappresenta una grande eccellenza del Made in Italy per la moda, la ristorazione, la cultura. Partiamo dalla consapevolezza di ciò che di grande c’è in Lombardia: Ascovilo ha l’ambizione di promuovere una carta dei vini che possa esprimere tutte le denominazioni DOC e DOCG dei nostri 13 consorzi”.

Attività di promozione organica

“Siamo presenti – ha ricordato la pesidente – nei mercati di tutto il mondo ma siamo poco presenti a Milano, non possiamo infatti affidarci solo alla generosità e passione del ristoratore ma dobbiamo promuovere occasioni ulteriori rispetto a quelle esistenti perché i consumatori conoscano ed apprezzino i vini di Lombardia prima del grande appuntamento delle Olimpiadi Invernali di Milano Cortina. È un percorso, non semplice, che richiede di unire le forze dei Consorzi e degli Chef ristoratori”.

Rolfi: la Lombardia ha vini e chef di eccellenza anche nel Garda

Fabio Rolfi
L’assessore regionale Fabio Rolfi

“Milano – ha aggiunto l’assessore regionale lombardo all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi, Fabio Rolfi – è la vetrina della Lombardia sul mondo. La nostra regione può vantare eccellenze enogastronomiche straordinarie che non sono solo veicolo di promozione, ma anche volàno economico in un momento di difficoltà per le imprese. La collaborazione con Ascovilo è sempre più stretta e stiamo raggiungendo risultati molto positivi nell’ottica di valorizzare i vini come carta di identità dei territori. In questo l’alleanza con i ristoranti e gli chef è fondamentale e ringrazio Identità Golose per l’opportunità”.

Fiorini (Consorzio Garda DOC): comprensorio dalle grandi potenzialità

Lago Garda SirmioneStesso piglio per il Consorzio Garda Doc. “Stiamo lavorando per far crescere in maniera uniforme un comprensorio produttivo dalle grandi potenzialità – ha evidenziato Paolo Fiorini, presidente Consorzio Tutela Vini Garda DOC – e per far questo riteniamo indispensabile condividere progettualità strategiche sia con Ascovilo sia con realtà ormai storicamente affermate nel settore come Identità Golose Milano. L’idea di base che culliamo da tempo è quella di creare un forte aggancio mentale che colleghi i vini del Garda Doc, le bollicine ma soprattutto i vini varietali, al comprensorio del Garda”.

Si punta sull’emozione

“L’iniziativa Vini e Chef della Lombardia – ha rimarcato – va esattamente in questa direzione: puntare all’emozione per imprimere nella memoria sensazioni e sapori di questo ricco comprensorio produttivo, che dalla Valtenesi tocca il Mantovano e si spinge fino al Veronese”.

Promozione delle eccellenze enogastronomiche

“Siamo molto lieti di dare il via a questa collaborazione con Regione Lombardia e Ascovilo – Associazione Consorzi Tutela Vini Lombardi. Il nostro impegno – ha quindi ricordato – è da sempre rivolto a promuovere le eccellenze enogastronomiche italiane e i loro principali interpreti, che negli spazi dell’Hub Identità Golose Milano trovano un terreno fertile per esprimersi. Con il ciclo ‘Vini e Chef della Lombardia’, infatti, vogliamo raccontare e valorizzare l’eccellenza lombarda. E farlo attraverso il naturale connubio tra la produzione enoica dei suoi diversi territori e il lavoro di alcuni degli chef più affermati che quotidianamente celebrano la regione Lombardia nei loro piatti”.

Le potenzialità dell’area Lago di Garda

Lago di Garda panoramica“Condividiamo con grande piacere – ha dichiarato Fabio Zenato, presidente del Consorzio Lugana DOC – l’obiettivo di far crescere la notorietà del comprensorio produttivo dalle grandi potenzialità dell’area Lago di Garda in sinergia con gli altri Consorzi, l’eccellenza gastronomica e i migliori chef”.

L’impegno del Lugana DOC

“Per questo motivo abbiamo scelto di portare la DOC Lugana all’interno del progetto Vini e Chef della Lombardia. Il Consorzio Lugana DOC, che raccoglie al suo interno 200 aziende – il 90% della produzione di Lugana – si è posto – ha sottolineato – l’ambizioso obiettivo di far conoscere al grande pubblico tutte le sfumature di questo vino dallo stile piacevole e contemporaneo, i suoi 5 stili (classico, superiore, riserva, vendemmia tardiva e spumante) e le numerose potenzialità di abbinamento”.

Più forti della pandemia

“Siamo inoltre molto orgogliosi perché il Lugana è uno dei pochi vini italiani che ha registrato, nonostante la pandemia, una crescita di prodotto imbottigliato a due cifre (+12% di anno in anno). Si tratta di un riconoscimento da parte del pubblico che dimostra quindi di apprezzare e scegliere ancora sempre di più la nostra denominazione”.

Programma serate Garda DOC

Questo, quindi, il programma delle serate del Garda DOC.

Martedì 6 settembre

Ristorante Casa Leali, Puegnago sul Garda (Brescia)

cena a cura dello chef Andrea Leali;

Martedì 13 settembre

Ristorante Capriccio, Manerba del Garda (Brescia)

cena a cura della chef Giuliana Germiniasi;

Lunedì 19 settembre

Ristorante Senso dell’EALA Hotel, Limone sul Garda (Brescia)

cena a cura degli chef Alfio Ghezzi e Akio Fujita;

Martedì 27 settembre

L’Osteria H2O Moniga, Moniga del Garda (Brescia)

cena a cura degli chef Saulo Della Valle e Mirco Bosio.

Moreno Gussoni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.