Si è accesa a Villa Guardia (CO) la Grande Stufa: energia e teleriscaldamento a 230 utenze del comune


Fornire calore attraverso il recupero di biomasse e materiali di scarto. La Grande Stufa opera in Lombadia. Si tratta di un impianto che produce calore. Garantendolo agli abitanti di Villa Guardia (Como). Interessando centinaia di utenze, sia pubbliche che private. Raggiunte, ora, dal teleriscaldamento. Tutto questo grazie alle migliori energie territoriali.

Co-generazione e teleriscaldamento

Si tratta di un impianto di co-generazione e rete di teleriscaldamento a biomassa vergine. E si trova a Villa Guardia, a pochi chilometri da Como.

L’assessore regionale all’inaugurazione

All’inaugurazione ha presenziato l’assessore all’Agricolutura della Regione Lombardia, Giulio De Capitani. 

Finanziamento della Regione

La centrale, finanziata da Regione Lombardia con 1,5 milioni di euro attraverso la Direzione generale Ambiente, Energia e Reti, traduce sul territorio il Por Fesr.  Ovvero il Programma Operativo Regionale (POR) Obiettivo Competitività. Per la valutazione e il sostegno di iniziative virtuose per la competitività del sistema produttivo e dei territori. Finanziabili tramite il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR). 

De Capitani: sostenibilità ambientale

La Grande Stufa – ha spiegato De Capitani – garantisce sostenibilità ambientale. Rappresentando il frutto di una corretta integrazione tra filiera agricola e produzione di energia. Anche con il recupero delle biomasse”.

Biomasse ‘a km zero’

“Siamo davanti alla dimostrazione – ha continuato – che il recupero delle biomasse ‘a km zero’ è possibile”.

Multifunzionalità

“Ed è inquadrabile – ha concluso De Capitani – nella multifunzionalità. Un aspetto che caratterizza l’agricoltura”.

L’impianto

L’impianto permetterà di migliorare le condizioni di vita del territorio in cui sorge. Sia, per le ridotte emissioni, sotto il profilo di tutela ambientale, sia dal punto di vista del risparmio energetico. Ovvero economico.

L’ampliamento

Il futuro ampliamento, già previsto, non sottrarrà terreno all’agricoltura. Anzi, consentirà al settore agricolo di riaffermare il proprio ruolo di carattere identitario.  

Cippato dalle imprese

Le imprese agricole del territorio forniscono il cippato di legname. Ovvero il materiale necessario all’alimentazione dell’impianto. Inoltre, la partecipazione di Coldiretti Como Lecco, e delle imprese associate e consorziate alla gestione, avviene con propri rappresentanti. Anche all’interno del Consiglio di Amministrazione. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.