Olio, un grande futuro per la Dop Laghi Lombardi-Lario

olio fatturatoOlio con un grande fatturato. Produzione record per l’olio nelle province di Como e Lecco, più cinquanta per cento.
L’olio lombardo va a gonfie vele come il relativo fatturato. La notizia arriva in concomitanza con la ‘due giorni’ Olio Officina Food Festival che si chiude domani al Palazzo delle Stelline di Milano.
A fronte di una  flessione generalizzata per la produzione olearia nel nostro Paese, l’olio delle province lariane va in controtendenza e conclude una campagna da manuale, con un incremento produttivo del 50% raggiungendo i 300 quintaliE i numeri sono davvero positivi anche per quanto riguarda la qualità.
“Dati che ci soddisfano e che premiano il lavoro delle nostre imprese” ha commentato il presidente interprovinciale di Coldiretti Fortunato Trezzi.  “A fianco dei privati ed hobbisti – ha spiegato –  sta crescendo nelle due province il numero dei produttori professionisti in possesso di partita Iva, con una cinquantina di imprese, in maggioranza iscritte alla nostra organizzazione agricola”.
Di queste, 14 hanno certificato la produzione della campagna appena trascorsa come “Dop Laghi Lombardi – Lario”. Sul mercato  arriverà un olio di qualità che potrà valorizzare e promuovere con orgoglio l’immagine di un intero comprensorio rurale e produttivo.
olio fatturatoLa coltivazione delle olive e la produzione di olio è distribuita in modo equivalente  tra le province di Como e di Lecco. Per quanto riguarda l’area comasca, gli areali di produzione sono prevalentemente collocati nella zona della Tremezzina e a Bellagio. Mentre per quanto concerne il lecchese la produzione è distribuita su tutta la sponda est del lago di Como. Con particolare concentrazione nella zona di Varenna e Perledo (centro-alto Lario) e nella zona di Mandello del Lario (ramo lecchese del lago).

Olio Dop e fatturato

In totale l’area di produzione dell’extravergine ‘Dop Laghi Lombardi – Lario’ comprende 33 comuni in provincia di Como e 12 in provincia di Lecco. L’olio a denominazione di origine protetta qui prodotto è venduto al pubblico un prezzo medio compreso tra i 20 e i 25 euro al litro.
olio fatturatoFrancesco Renzoni, direttore di Coldiretti Como Lecco, è un dottore agronomo esperto degustatore oleario: “Il ‘Dop Laghi Lombardi – Lario’ è senza dubbio un olio che ha davanti a sé un grande futuro. Il ‘Lario’ deve essere ottenuto dalle varietà Frantoio, Casaliva e Leccino (in misura non inferiore all’80%). Come da disciplinare, rileva un’acidità massima dello 0,55%: il colore è dal verde al giallo e il caratteristico odore è fruttato medio o leggero. Al sapore è delicato, può rivelare note leggermente amarognole e piccanti. Va ricordato che l’olio extravergine d’oliva teme la luce e le basse temperature, che possono provocarne un parziale congelamento: inoltre, deve essere consumato entro 18 mesi dalla data dell’imbottigliamento”.
L’incremento di produzione – rilevano i tecnici di Coldiretti Como-Lecco – è stato in massima parte determinato dalla scarsissima presenza della mosca olearia, (Daucus oleae) che, in per via del clima della trascorsa estate, ha attaccato assai poco e molto meno delle precedenti campagne.

bottiglie e logo

Nel resto d’Italia la produzione registra invece un calo complessivo del 12%.
Con le province di Como e Lecco sono in controtendenza anche la Lombardia (+20%), la Liguria (+20%) e il Trentino Alto Adige (+13%).
L’annata 2012 è stata contraddistinta anche dal via libera alla legge salva olio, con le norme per la difesa del prodotto italiano: da non trascurare, dunque, gli effetti positivi sui consumatori, in fatto di trasparenza, garanzie sulla qualità e sulla riconoscibilità del prodotto, attraverso l’evidenziazione di nuovi e più chiari elementi in etichetta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.