Entra la trota nella ristorazione scolastica: al via la prima fase a Milano e Pavia

(LN) Regione Lombardia, Milano Ristorazione e Associazione piscicoltori italiani sottoscriveranno un accordo per la somministrazione di prodotti ittici d’acqua dolce, in particolare trota, nelle mense, nella ristorazione scolastica.

Decisione della Giunta

Lo ha stabilito la Giunta regionale, su proposta dell’assessore all’Agricoltura Giuseppe Elias, che ha approvato il protocollo d’intesa per l’inserimento dei filetti di trota nei menù previsti dalla società di ristorazione.

Gradimento delle Province

Iniziativa particolarmente apprezzata dalle Province di Milano e Pavia. Ovvero i territori nei quali vi è una particolare presenza di produttori di trote e dove sarà avviato il progetto. Successivamente, anche altre province lombarde potranno aderire all’iniziativa.  

L’attività ittica lombarda

La trota, con una media annua di oltre 4.000 tonnellate, è la specie più allevata in Lombardia. Dove, grazie alla disponibilità di acqua di qualità e all’utilizzo delle migliori tecnologie di allevamento esistenti, sono numerosi gli allevamenti presenti. Accanto a realtà di dimensioni più modeste a gestione familiare.

Valore nutrizionale

Dal punto di vista nutrizionale il pesce d’acqua dolce, oltre a essere un alimento ricco in proteine a elevato valore biologico (15 per cento – 25 per cento) e altamente digeribile, è una buona fonte di acidi grassi insaturi (l’80 per cento del totale dei grassi presenti).

Colesterolemia

Tra questi vi è un maggior livello di Dha (acido docosaesaenoico) rispetto al pesce di acqua salata, con benefici effetti – tra gli altri – sulla riduzione della trigliceridemia e dei valori pressori e sull’aumento del colesterolo Hdl.  

Obiettivo promuovere consumo di pesce

“L’obiettivo di questo accordo – ha spiegato l’assessore Elias – è promuovere il consumo del pesce di lago nelle mense scolastiche. E sensibilizzare gli studenti verso i prodotti del territorio e il valore di una sana e corretta alimentazione”.

Valorizzazione attività produttiva dei laghi

“Questa operazione di introduzione della trota nella ristorazione scolastica – ha concluso Elias – ci permette anche di valorizzare dal punto di vista economico un’attività produttiva storica dei nostri laghi. Ovvero una realtà dove ancora operano oltre 200 pescatori di professione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.