Appassionate di tecnologia, attente e multitasking: ecco le donne imprenditrici agricole

imprenditrici
L’80 per cento delle imprenditrici agricole lombarde usa regolarmente un computer nell’attività quotidiana, il 30 per cento ha uno smartphone, una quota di circa il 5 per cento sta sperimentando il tablet, mentre il telefono cellulare è ormai uno strumento usato da tutte le donne di ogni fascia d’età. 

Monitoraggio

Sono i dati emersi da un monitoraggio della Coldiretti Lombardia in occasione del prossimo forum internazionale “Women&Technologies 2008-2015” che si terrà domani dalle 9.30 a Milano in via Meravigli 9. Che sarà focalizzato su uno dei temi del prossimo EXPO 2015: la nutrizione. Verrà anche assegnato il premio “Le Tecnovisionarie® 2012” alle donne che si sono distinte nella ricerca e nell’innovazione nel settore alimentare.
“La diffusione massiccia delle tecnologie informatiche nelle aziende agricole è iniziata una decina di anni fa e ha cambiato il nostro lavoro ma soprattutto la nostra gestione del tempo – spiega Pina Alagia, presidente delle imprenditrici agricole lombarde della Coldiretti –  Oggi con un semplice smartphone  è possibile seguire in tempo reale gli ordini dei clienti. Nonchè – aggiunge – essere in contatto con la famiglia  e tenersi aggiornate”. 

Potenza della tecnologia

“La tecnologia – sottoline Alagia – permette di potenziare quel tratto culturale tipicamente femminile di saper organizzare più cose contemporaneamente”.

I numeri del primario rosa

Le imprese agricole femminili in Lombardia sono 11.381 e rappresentano quasi il 23 per cento del totale delle oltre 50 mila aziende agricole lombarde – spiega la Coldiretti regionale su dati della Camera di commercio di Milano –  Le province con maggior densità “rosa” sono Brescia che con 2.328 aziende, Pavia con 1.791 imprese e Mantova con 1.620 attività.
A seguire: Bergamo (1.321), Sondrio (1.143), Milano (769), Cremona (730), Como (558), Varese (402), Lecco (321), Lodi (217) e Monza e Brianza (181).

Attività più rappresentata

L’attività più rappresentata è la coltivazione di cereali (44,3%), l’allevamento di bestiame (20,8% del totale) e la produzione di uva (9,7%). Forte presenza femminile anche negli agriturismi e nelle fattorie didattiche.

Fonte: Coldiretti Lombardia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.