Vini per l’estate a Cascina Cuccagna e laboratori sulla vite per i bambini

Torna domani a Cascina Cuccagna l’evento rivolto agli operatori del settore enoico e al grande pubblico e organizzato dalla rivista Civiltà del bere per promuovere l’assaggio di vini freschi e leggeri: etichette prestigiose e di nicchia, da abbinare ad assaggi d’autore preparati dallo chef Nicola Cavallaro di Un Posto a Milano.

La novità 2013 di Un vino per l’estate è rivolta ai bambini dai 5 anni ai 13 anni: pic nic, succo d’uva, storie e leggende della vite, per intrattenere i più piccoli durante l’ora dell’aperitivo. Dalle 18.30 alle 20.30 di giovedì 13 giugno il laboratorio creativoLa vite a Milano: da Leonardo alla Cuccagna” guida i piccoli visitatori della Cascina alla scoperta della vigna e della sua storia, per poi pensare, colorare, creare con la fantasia la propria vite.

IL VIGNETO DI LEONARDO – La storia parte proprio dal centro di Milano. È qui che nel 1499 Leonardo da Vinci, appena conclusa l’Ultima Cena, ricevette in dono una vigna da Ludovico il Moro. L’artista curò con amore le sue viti, per poi lasciarle in eredità ai due più intimi e fedeli servitori: Giovanbattista Villani e il Salaì. Questo vigneto segreto oggi esiste ancora, a pochi passi da Santa Maria delle Grazie, nel giardino della Casa degli Atellani.

COLORA, TAGLIA, CREA – Il laboratorio si trasforma in atelier creativo: ogni partecipante, partendo dal disegno di una vite spoglia, dovrà colorare, ritagliare e animare la propria vite con piccoli oggetti polimaterici, secondo la sua inventiva. Nastri, bottoni, pasta, carta velina, stagnola, fiori secchi, e tanti altri materiali serviranno a creare un vigneto fantastico, con le viti come tanti “alberi della Cuccagna”.

LEGGERE… E MANGIARE! – Teresa Severini, nota produttrice umbra dell’azienda Lungarotti, presenta il suo libro per ragazzi L’uva nel bicchiere: pagine illustrate alla scoperta dei misteri dell’uva, in un viaggio ludico e didattico tra la cantina e il vigneto. Poi picnic per tutti, con succo analcolico di uve Barbera (da agricoltura biologica), per non restare “a bocca asciutta”.

Laboratorio e pranzo al sacco sono gratuiti. Non serve prenotare.

BOLLICINE CON BRIO – Sono 14 in tutto gli spumanti: Franciacorta Docg (Montenisa Brut dell’omonima azienda Antinori), Trentodoc (Altemasi Brut 2009 di Cavit), Valdobbiadene Docg (Fagher e Cruner 2012 de Le Colture), ma anche un Pignoletto di Modena (Modén Blanc 2012 Cleto Chiarli) e Metodo Classico emiliani (Valente, Spumante Brut novità di Cantina Valtidone), altoatesini (il nuovo Pinot Grigio 2010 di Santa Margherita) e Lugana Doc (Metodo Classico Brut 2010 di Zenato). Nella somma delle bollicine anche quattro rosati (Franciacorta Brut Rosé 2008 di Fratelli Berlucchi; Brut de Noir Rosé 2012 di Cleto Chiarli; Anita, Spumante Rosato Extra Dry di Falesco e il nuovo Rosé Brut 2012 de Le Colture) e due Champagne firmati Vranken Pommery (Summertime Blanc de Blancs Brut e Apanage Silver Brut).

IL BIANCO INTRIGANTE – I freschi bianchi per l’estate (14 fermi e 2 frizzanti) attraversano la Penisola da nord a sud, fra Trentino-Alto Adige (Müller Thurgau Bottega Vinai di Cavit, Luna dei Feldi Santa Margherita), Veneto (San Benedetto di Zenato e Masianco di Masi, che porta anche il Passo Blanco della tenuta argentina Masi Tupungato), Lombardia (Curtefranca Doc di Fratelli Berlucchi), Emilia Romagna (Aurora e Armonia, rispettivamente Malvasia e Ortrugo frizzanti di Cantina Valtidone), Toscana (Vivia, Maremma Toscana Doc de Le Mortelle Antinori e il nuovo Vermentino Igt Toscana di Ruffino), Umbria (Brezza di Fattoria del Pometo e Torre di Giano, entrambe Lungarotti), Lazio (Est!Est!!Est!!! Poggio dei Gelsi e Soente di Falesco) e Sardegna (il Vermentino Merì e il Nuragus S’Elegas di Argiolas).

ROSSI GIOVANI E TENDENZE ROSÉ – Sette proposte in rosa segnano la moda estiva. Fra queste, Bottega Vinai Schiava Gentile di Cavit, Rosa dei Masi di Masi Agricola, Chiaretto Bardolino Doc di Zenato, Rosatello di Ruffino, il siciliano Rosé di Planeta, La Châpelle Gordonne Rosé di Vranken Pommery e una novità: Brezza Rosa di Fattoria del Pometo (Lungarotti). Chiudono la rassegna i rossi, giovani, da gustare anche freschi: Fichimori di Tormaresca, azienda salentina di proprietà Antinori; Is Solinas, Igt Isola dei Nuraghi di Argiolas, il frizzante Lambrusco Grasparossa di Castelvetro Vigneto Cialdini (Cleto Chiarli), il Cerasuolo di Vittoria Docg 2011 di Planeta e il Gran Sigillo, Igt Toscana di Ruffino.

UN VINO PER L’ESTATE – Cascina Cuccagna, via Cuccagna 2/4, ang. via Muratori. Degustazione e abbinamenti gastronomici: 20 euro. Per informazioni: Civiltà del bere, tel. 02.76.11.03.03 – pellucci@civiltadelbere.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.