Riviera Spezzina, al via progetto “Recupero terre incolte”

Deiva Marina-Mezzema ritoccataTerre incolte”  è il progetto di recupero che riguarda centinaia di ettari di proprietà dell’Istituto Diocesano per il Sostentamento del Clero della Spezia e di diversi proprietari privati che vengono offerti, in virtù di un recente Protocollo d’intesa, ad un prezzo di soli 300 euro per ettaro con un contratto d’affitto di 10 + 10 anni. Una vera opportunità da cogliere subito perchè far rivivere i terreni della Riviera Spezzina, è essenziale proficuo e salutare. I terreni sono situati nei territori dei Comuni di Deiva Marina, Framura, Bonassola, Levanto, Monterosso al Mare e Vernazza. Tre sono gli obiettivi da raggiungere con questa operazione :

1°- ampliare le aziende agricole esistenti con il “Piano di Sviluppo Rurale” (P.S.R.) che consentirà aiuti agli investimenti in agricoltura e nel contempo supportare i giovani nell’iniziare una nuova attività con terre ad un prezzo calmierato;

Framura

2°- sostenere ed incentivare l’occupazione, soprattutto giovanile come manodopera specializzata e non per i nuovi lavori agricoli;

3°- tutelare l’ambiente e il paesaggio rurale, riportando nuova vita ai terreni incolti al fine di mitigare il dissesto idrogeologico.

Chi è interessato, si rivolga a Davide Zoppi, Delegato Provinciale Coldiretti Giovani Impresa e coordinatore del progetto di “Recupero terre incolte della “Cooperativa di Comunità Officine di Levanto”, presieduta da Laura Canale, contattando l’indirizzo e-mail “davide-zoppi@coldiretti.it“. 

In Liguria, nell’ultimo mezzo secolo, si è registrata una pesante diminuzione della superficie coltivata, che è passata dal 40% sul totale del territorio nel 1961 all’8% di oggi, con il parallelo aumento della superficie boscosa, dal 44% al 70%.

Per questo nel 2014 la Regione Liguria ha avviato la Banca della Terra,  con cui si prefigge di aumentare la superficie agricola e forestale utilizzata attraverso processi di ricomposizione e riordino fondiario, utili anche a far  accrescere la competitività delle aziende agricole e forestali del territorio.

La Banca della Terra mette a disposizione una base-dati informatizzata con tutte le coordinate catastali e le ulteriori informazioni riguardanti i terreni situati in Liguria, i cui proprietari, o aventi causa, si dichiarino disponibili a cedere la detenzione o il possesso a terzi ovvero ad aderire a forme di gestione consorziata o associata dei fondi.

In una apposita sezione  sono  inserite le coordinate catastali e le ulteriori informazioni riguardanti i terreni, di cui sia stato segnalato il presunto stato di abbandono. Tutte le informazioni riguardanti la base dati dei terreni in Liguria, la normativa e la modulistica di riferimento su www.agriligurianet.it, il sito dell’agricoltura Ligure.

Guido Ghersi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.