A Milano il via alla campagna di sensibilizzazione per la raccolta differenziata

(ASCA) – Spiegare ai cittadini come sia possibile, attraverso le 10 semplici regole del decalogo, fare una raccolta differenziata di qualita’ cosi’ da ridurre scarti ed impurita’ e migliorare i risultati di riciclo.

Raccolta 10 più

È questo l’obiettivo della terza edizione di ”Raccolta 10 più. Le Giornate del Riciclo e della Raccolta Differenziata di Qualita”  progetto che ha preso il via il 23 ottobre a Milano e si concluderà il 10 novembre a Napoli, promosse da Conai (Consorzio nazionale imballaggi) con il patrocinio del ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e di Anci (Associazione nazionale comuni italiani). A darne notizia è la Conai in una nota.
 

Differenziata

Importanti passi avanti sono già stati fatti in termini di raccolta differenziata. Ovvero dati in miglioramento. Nell’ultimo anno la quantità di rifiuti da imballaggio conferiti al sistema è cresciuti del 2,8% – si legge nella nota – sfiorando i quasi 3,3 milioni di tonnellate. 

Ricerca Ipsos
Dalla ricerca Ipsos emerge che l’89% degli italiani si dichiara molto attendo alla difesa dell’ambiente e l’81% asserisce di fare regolarmente la raccolta differenziata a casa propria. E tuttavia, nonostante i buoni propositi collettivi, permangono degli errori piuttosto comuni. Che rischiano di inficiare i risultati della raccolta differenziata e conseguentemente il successivo processo di riciclo degli imballaggi. Che riguardano acciaio, alluminio, carta, legno, plastica e vetro. Quest’anno il consorzio – prosegue la nota – ha voluto coinvolgere anche i cittadini stranieri che vivono nel nostro paese. Sono  oltre 4,5 milioni. Cui si aggiungono circa i 500.000 senza permesso di soggiorno.

Ricerca promossa da Conai

Da una ricerca commissionata da Conai a Ipsos è infatti emerso che circa 3 milioni di stranieri dichiarano di avere piccole e grandi difficoltà nel fare la raccolta differenziata. Ciò a causa soprattutto dell’assenza di informazioni in lingua (30%) e della poca chiarezza delle regole (22%). Oggi il 42% afferma di farla sempre nel nostro Paese con picchi di eccellenza tra chi proviene dal Centro-Sud America (46%).
C’è anche un 57%, pari a quasi 2 milioni di persone, che confida di non aver mai fatto la raccolta differenziata nel proprio paese di origine. 

Decalogo tradotto in lingue straniere

Alla luce di tutto ciò – conclude la nota – il consorzio ha deciso di tradurre il decalogo in cinese, arabo, inglese, spagnolo, russo

Undici stazioni 

La manifestazione, alla terza edizione, si svolgerà in undici stazioni. Si tratta di Bari, Bologna, Genova, Firenze, Milano, Napoli, Palermo, Roma, Torino, Venezia e Verona. Dove saranno collocati punti informativi. Ovvero i luoghi presso i quali sarà in distribuzione il ”Decalogo della Raccolta Differenziata di Qualita”’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.