Milano in marcia verso l’Expo 2015: in piazza Castello la “carica dei cento”, farmers’ market all’aperto con i prodotti delle aziende agricole

farmer's market Conto alla rovescia per l’Expo. Mentre si definiscono i dettagli di quelli che saranno i padiglioni sull’area di Rho Pero ed è partita la realizzazione dell’albero della vita, Milano si mette in marcia verso la grande esposizione universale con due appuntamenti.

Il primo è fissato per domenica  4 maggio in piazza Castello, dove oltre cento aziende agricole daranno vita un grande farmers’ market a cielo aperto con il meglio dei prodotti italiani, dove si potranno degustare e acquistare frutta, verdura, salumi, formaggi e tanti altre specialità della Lombardia e di altre regioni. Intorno alla fontana di piazza Castello sarà allestita anche un’esposizione di antichi macchinari agricoli. L’iniziativa, che vede impegnate oltre 800 aziende agricole, è stata organizzata dal Comune di Milano insieme a tutte le sigle delle associazioni agricole:  Coldiretti Lombardia,  Cia e Confagricoltura.

Il secondo è in programma il 18 maggio,  sempre a Milano, quando  ci sarà una sfilata di tesori del Made in Italy all’interno della quarta tappa del LombardiaExpoTour, iniziativa che ha già coinvolto oltre 100 mila persone fra Brescia, Bergamo e Pavia.

campagna amica“L’Expo –  ha detto Ettore Prandini, Presidente Coldiretti Lombardia – deve essere l’occasione per fare conoscere al mondo i nostri prodotti e per diffondere il messaggio di un cibo che non è semplice merce, ma che è una sintesi di culture, tradizioni, stili di vita e racconti del territorio. L’Expo deve essere un modo per dare nuovo valore al cibo e ai prodotti agroalimentari in tutti i suoi significati”. L’attenzione al cibo e al legame con il territorio è testimoniata anche dal numero di persone che si rivolgono ai mercati di Campagna Amica: solo in Lombardia si stima un afflusso di quasi 2 milioni di persone all’anno in una rete composta da farmers’ market, spacci in cascina e farmers’ shop. La spesa media pro capite è rimasta stabile nonostante la crisi con il 50% del paniere costituito da frutta e verdura, il 30% da carne e salumi, il 10% da formaggi e il resto da altri prodotti (succhi di frutta, marmellate, biscotti, vino, birra).

campagna amica donna che fa spesaIl 65% degli acquirenti è donna,  ha stimato Coldiretti Lombardia.  Nel fine settimana arrivano soprattutto le famiglie, negli altri giorni c’è una prevalenza di pensionati, casalinghe e impiegati in pausa pranzo. La tipologia e la frequenza dei mercati cambia ovviamente a seconda che ci si trovi in zone più o meno urbanizzate. L’attenzione maggiore del consumatore è legata a origine e qualità del prodotto. I genitori chiedono prodotti sicuri e genuini per i figli. I pensionati cercano prodotti che ricordino la tradizione o tagli di carne per piatti della cucina tradizionale. Le problematiche principali – in base alle rilevazioni di Campagna Amica – riguardano la richiesta di un maggior numero di mercati durante la settimana e l’assortimento parziale di prodotti. Mentre per i farmers’ market nelle aree metropolitane più trafficate o nelle zone centrali  viene sottolineato il problema del parcheggio.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.