Latte, le novità del settore nel convegno di Rozzano (MI)

Da oggi inizia la collaborazione di Arga Lombardia Liguria con Agenord.
Sul nostro blog saranno pubblicate le principali notizie proposte da Agenord e relative agli argomenti di specializzazione del gruppo di giornalisti sul territorio.

Milano, 12 ott – Settore lattiero caseario in Lombardia: calano le imprese, ma cresce l’export. Il comparto perde 239 imprese in tre anni, – 4%. Si riducono di 228 solo le imprese di allevamento di bovini da latte. Imprese concentrate a Brescia e Mantova, circa mille in ogni provincia. Ma in un anno cresce l’export di prodotti  delle industrie lattiero casearie: +5,3%. Primi esportatori Mantova e Pavia con oltre 80 milioni in sei mesi. Della situazione del settore e delle novità legislative si parlerà in un convegno promosso da Agrimercati, Assocaseari e Camera di commercio di Milano. Si tiene lunedì prossimo, 15 ottobre nella sede di Agrimercati (viale Gran San Bernardo, strada 6, palazzo G 1 a Rozzano) l’incontro sull’art. 62 del Decreto Liberalizzazioni. Ovvero il Decreto Monti. Che, in questi giorni, è all’attenzione di tutti gli operatori del settore agroalimentare.

Le novità normative

Per il settore lattiero caseario ecco le novità normative. L’articolo 62 introduce elementi fortemente innovativi e una serie di norme che avranno forti riflessi su tutte le filiere agroalimentari. Operatori, giornalisti ed esperti del settore dibattono sulle opportunità e sui rischi che si genereranno al momento dell’entrata in vigore della normativa.

Coldiretti Milano, Lodi e Monza

Carlo Franciosi, presidente Coldiretti Milano, Lodi e Monza, membro di giunta della Camera di Commercio di Milano e presidente di Agrimercati: “La certezza nelle relazioni contrattuali e nei pagamenti è una condizione fondamentale per la crescita di un sistema economico che funzioni. L’articolo 62 del decreto sviluppo mette dei punti fermi importanti per le aziende agricole, soprattutto per quanto riguarda i tempi di saldo delle forniture di prodotto. In tal modo si può avere una corretta gestione dei costi e dei ricavi e una migliore pianificazione del lavoro. La norma è chiara e basta applicarla così come è stata scritta, senza interpretazioni che ne possano indebolire gli effetti nei rapporti all’interno della filiera agroalimentare”.

Assocaseari

“Assocaseari – ha dichiarato Gianni Brazzale presidente Assocaseari – ha promosso questo incontro-dibattito per  dare un contributo  all’analisi degli aspetti pratici e di gestione nell’applicazione dell’articolo 62 e del suo Decreto attuativo: una Legge che avrebbe dovuto portare ad una maggiore trasparenza nei rapporti tra imprese della filiera agroalimentare, ma risulta essere, alla fine del percorso legislativo, fonte di complicazioni e di aggravi di costi difficilmente calcolabili”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.