Lago d’Idro: tre assessori di Regione Lombardia chiedono intervento Governo, rischio siccità per aziende agricole

  Gli assessori regionali Gianni Fava (Agricoltura), Viviana Beccalossi (Territorio) e Claudia Terzi (Ambiente) chiedono agli omologhi ministri del Governo  centrale dell’Agricoltura e dell’Ambiente di intervenire sulla Provincia di Trento, perché sblocchi la vicenda del Lago d’Idro (Brescia),  evitando così effetti negativi su tutta l’agricoltura lombarda.

MANCATO RILASCIO ACQUE ALTO CHIESE COMPROMETTEREBBE AZIENDE AGRICOLE – La vicenda nasce dal fatto che la Provincia di Trento, che gestisce i bacini d’acqua dell’Alto Chiese, non ne rilascia una sufficiente quantità, compromettendo i livelli del Lago d’Idro. Tutto questo provoca un mancato rilascio, da parte dello stesso Lago, del quantitativo d’acqua sufficiente per le campagne bresciane e mantovane già a partire dal 12 e 13 agosto  prossimi. Il mancato rilascio rischia di provocare, a sua volta, la perdita totale delle produzioni agricole su 25.000 ettari alimentate dal Chiese. Questa forte riduzione potrebbe   presentare rischi anche per l’igiene e la salute pubblica di tutte le aree incluse nel bacino del Basso e Medio Chiese, compresa la zona orientale della città di Brescia, cui verrebbero meno le risorse necessarie per una costante presenza d’acqua nei canali di dilavamento.

FAVA: SITUAZIONE PREOCCUPANTE – “Questa situazione di stallo è tanto preoccupante per il comparto agricolo lombardo quanto paradossale per i suoi contorni e gli sviluppi che sta avendo” esordisce Gianni Fava. “E’ preoccupante, perché le aziende agricole insediate in quei 25.000 ettari di territorio lombardo a valle del Lago d’Idro, rischiano di rimanere senza gli approvvigionamenti idrici necessari per la loro attività”. “E’ paradossale, perché nei bacini dell’Alto Chiese – prosegue Fava – c’è la disponibilità di ingenti quantità di risorsa idrica (stimabile ad oggi in circa 40 milioni di mc), che sarebbero ampiamente sufficienti a soddisfare anche le esigenze irrigue di valle“.

MINISTRO INTERVENGA – Delineando una possibile soluzione, Fava afferma: “Ho scritto al ministro delle Politiche agricole e al ministro dell’Ambiente, con il quale ho cercato perfino un contatto telefonico ma, ad ora, non abbiamo alcun riscontro dai palazzi romani, che non sembrano interessati alla vicenda”. “Mi auguro, che al danno delle forti piogge dei mesi scorsi – dice ancora l’assessore all’Agricoltura – non si aggiunga la beffa della siccità dovuta al mancato rilascio dell’acqua da parte della Provincia autonoma di Trento; sarebbe un colpo letale per l’agricoltura lombarda”.  “Infine – conclude Fava – auspico che il ministro Orlando, esponente di un partito che fino a ieri si è battuto per la proprietà pubblica dell’acqua, dimostri sensibilità rispetto al tema e interessi per tempo il Governo alla vicenda”.

TERZI: PRENDEREMO PROVVEDIMENTI – “Trento non può permettersi  di fare quello che vuole a danno dei nostri agricoltori”  spiega Claudia Terzi. “Prendiamo atto che questo è il loro modo di rapportarsi con Regione Lombardia – prosegue il responsabile all’Ambiente – e ci adegueremo di conseguenza. Stiamo già prendendo seriamente in considerazione l’ipotesi di rivedere gli accordi fra Regione Lombardia e Provincia di Trento sulle concessioni idroelettriche che interessano fiumi lombardi“. “Vediamo – conclude Terzi – se si convinceranno a scendere a più miti consigli”.

BECCALOSSI: SERVE SENSO DI RESPONSABILITÀ – “In questa situazione, che si ripete periodicamente – dice Viviana Beccalossi – serve senso di responsabilità da parte di tutti gli attori istituzionali in gioco. Sono certa, che, basandosi su questo principio, prevarrà una soluzione in grado di non far prevaricare gli interessi di una sola parte, dato che stiamo parlando di un bene prezioso per l’ambiente, l’economia turistica e agricolae che quindi va gestito con la massima sensibilità”.

Il lago d’Idro, detto anche Eridio, è alimentato dalle acque del fiume Chiese e del fiume Caffaro. Lo sviluppo delle sponde  è di circa 24 km; la sponda destra è percorsa dalla statale n. 237 del Caffaro. In corrispondenza dei lembi rivieraschi a moderato declivio sono collocati gli abitati di Idro, con le frazioni Crone e Belprato, di Anfo, di Ponte Caffaro (frazione di Bagolino) e di Baitoni (frazione di Bondone).Presenta una lunghezza massima di 11 km, una larghezza massima di 1,90 km, in corrispondenza della sua parte più settentrionale, e una profondità massima di 120 m, a circa 6 km a monte dell’emissario.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.