IPM ESSEN 2013: la più grande vetrina mondiale del florovivaismo. E l’Italia c’è

Ipm essen 2013
Si chiude domani a Essen, nella regione della Ruhr in Germania, la IPM Essen 2013, la più importante Fiera internazionale di florovivaismo (22-25 gennaio), giunta ormai alla 31esima edizione.
 

Quattro giorni

Quattro giorni a disposizione dei 60.000 visitatori che sono giunti in Germania dai cinque continenti per affacciarsi al mercato internazionale e informarsi in diretta sui nuovi prodotti, le innovazioni e le tendenze del mercato con uno sguardo particolare alle realtà tedesche e olandesi.  

I numeri

Oltre 1.500 espositori provenienti da più di 40 Paesi per IPM ESSEN 2013. 120 italiani: tutti produttori, vivaisti ed esperti del settore riuniti nel Padiglione 6 attorno all‘ormai nota ‘Piazzetta Italia’.
 
Una straordinaria opportunità per scoprire tante idee nuove e creare, attraverso la condivisione delle esperienze, importanti contatti per favorire le esportazioni.
Per la prima volta era presente anche la Corea con uno stand collettivo nel settore della ‘Tecnica’ e anche lo Sri Lanka ha avuto una propria rappresentanza.
 
ipm essen 2013

Gli operatori

Numerosi gli operatori e i tecnici floricoli provenienti dal Distretto Vivaistico Plantaregina di Canneto sull’Oglio e dal Distretto Florovivaistico Alto Lombardo. Nonchè un consorzio di aziende e lavoratori autonomi della filiera florovivaistica. Che opera nelle provincie di Como, Varese, Lecco, Sondrio, Monza Brianza e nella zona nord di Milano.

L’azienda Gilardelli

Nicoletta Gilardelli cura i clienti italiani ed esteri nell’azienda di famiglia, fondata dal bisnonno nell’Ottocento. Quando le piante di gelso erano fondamentali per l’allevamento del baco da seta in Brianza.
 

Aceri giapponesi

“Siamo presenti a Essen con tutte le varietà di nostra produzione”, ha raccontato Nicoletta ad Arga Lombardia Liguria, “ma siamo specializzati negli aceri giapponesi. La cui coltivazione è iniziata nella nostra azienda negli anni Trenta. E si deve a Giordano Gilardelli, mancato proprio di recente, l’introduzione di un nuovo ibrido, la prima varietà di ACER PALMATUM “FIRE GLOW”. 

Appuntamento fisso per il Ponente Savonese

L’appuntamento in Germania è diventato riferimento ormai tradizionale anche per i floricoltori del Ponente Savonese. Il comparto florovivaistico ingauno, infatti, con oltre 1500 aziende e una produzione complessiva di piante in vaso aromatiche e fiorite di oltre 120 milioni di pezzi all’anno, riveste un ruolo importante nell’economia della provincia anche per la carica di creatività, di innovazione e di tecnica colturale riconosciuta alla Liguria. Anche a livello internazionale. 
 
 

La Liguria a Essen

La partecipazione a Essen della Regione Liguria, che ha organizzato una visita guidata per floricoltori e addetti al settore, “conferma il nostro continuo sostegno al settore più importante dell’agricoltura regionale” ha affermato l’assessore ligure Giovanni Barbagallo. “Quella di Essen – ha rimarcato – non è una semplice operazione promozionale. Ma un appuntamento di alto valore commerciale per tutte le nostre produzioni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.