Grandi numeri e ottimi piatti: Golosaria punta all’Expo 2015

Brindisi alla Golosità Paolo Massobrio e Marco Gatti45 mila visitatori, 5000 piatti serviti, 250 espositori e 300 artigiani del gusto e chef.

Si è conclusa con tutti i numeri positivi Golosaria, la 9° edizione della Rassegna di Cultura e Gusto dedicata ai Golosi della Vita. Tre giorni di kermesse “densi” di eventi: 19 show cooking, 21 incontri “lab” e ancora degustazioni vino e momenti di confronto e dibattito nell’agorà oltre all’attesissimo lancio del portale web ilgolosario.it, ideale complemento della guida cartacea, considerata da molti il vero punto di riferimento del “più buono” d’Italia.

TantaGente, Palco e focus ExpoUno degli appuntamenti “clou” della manifestazione è stata la presentazione dei “piatti Expo 2015” che resteranno in carta presso i ristoranti che hanno aderito all’iniziativa: “Un piatto per Expo: 5 ingredienti per raccontare il Territorio” per tutto il tempo della rassegna e nei giorni antecedenti.

“In occasione dell’Expo sarebbe opportuno creare un “palinsesto” con le principali proposte di operatori selezionati in modo che il turista abbia un’idea precisa di dove andare e cosa fare” commenta nell’agorà  Gianni Fava, Assessore all’Agricoltura della Regione Lombardia “Golosaria è un primo riscontro oggettivo di una selezione dei migliori produttori italiani”

Pubblico alla presentazione Expo“Il turista Expo è un turista informato che vuole fare esperienze enogastronomiche cercando il meglio del territorio” ribadisce Josep Ejarque, direttore di Explora, che sta lavorando per mettere in contatto gli operatori con il meglio del nostro mercato. “Golosaria è una delle prime piattaforme che ha creato un network di produttori.”

Decine di migliaia di “golosi della vita”, hanno riempito la piazza di Golosaria assistendo a dibattiti e premiazioni: dalla proclamazione dei 100 vini d’Italia a quella dei nove migliori wine bar italiani; dalla consegna degli 80 premi ai “protagonisti del Golosario 2015” a quella dei 13 “Pionieri del Golosario”. E visto che l’evento è stato anche social, i visitatori hanno assistito alla proclamazione del contest: “Like Golosaria: come i golosi della vita guardano Golosaria”. Premiati una decina di scatti sugli oltre cento postati.

La mitica guida Il Golosario diventa democratica: un ricchissimo portale web ilgolosario.it. “Per il costo di circa un caffè al mese”, scherza Paolo Massobrio, “tutti potranno accedere dal proprio smartphone, tablet o computer a indirizzi, recensioni e percorsi dell’eccellenza enogastronomica in Italia.” La guida web e cartacea ha numeri da record: 1508 produttori, 4344 negozi, 708 oleifici, 3047 cantine, 2216 ristoranti e 594 hotel, oltre a ricette e tanto altro ancora. Sono il racconto di 20 anni di viaggi e lavoro nel mondo dell’enogastronomia e nell’agricoltura italiane di Paolo Massobrio, Marco Gatti e di una redazione di 10 persone che coordina oltre 100 collaboratori su tutto il territorio nazionale.

Chi ha acquistato il biglietto d’ingresso alla manifestazione avrà l’accesso gratuito al portale per tre mesi e potrà trovare ogni giorno tutte le novità del “mangiarbere”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.