Futuri chef al lavoro per nove menù da presentare entro dicembre, in vista di Expo intesa tra istituto C.Porta Milano – Senac-PE (Brasile)

Carlo Porta 1Progetti didattico-enogastronomici svolti in Italia e in Brasile, già avviati, percorsi formativi post-diploma di specializzazione in enogastronomia – a partire da settembre 2014 – e scambi di classi di studenti e docenti.

Sono questi i punti centrali del Protocollo d’Intesa firmato a Recife-Pernambuco (uno dei 26 Stati del Brasile) tra l’Istituto alberghiero ‘Carlo Porta’ di Milano e il SENAC-PE (Servizio nazionale apprendistato commerciale), rappresentato dal presidente della Fecomércio del Pernambuco e vice presidente dell’Unione del Commercio della Confederazione Brasiliana Josias Silva de Abuquerque.

Nella foto Ln, da sinistra l'assessore all'Istruzione, Formazione e Lavoro di Regione Lombardia Valentina Aprea, il direttore generale del'Ufficio Scolastico Regionale della Lombardia Francesco de Sanctis, il preside dell'Istituto Carlo Porta Francesco Malaspina e lo chef dell'Istituto
Nella foto Ln, da sinistra l’assessore all’Istruzione, Formazione e Lavoro di Regione Lombardia Valentina Aprea, il direttore generale del’Ufficio Scolastico Regionale della Lombardia Francesco de Sanctis, il preside dell’Istituto Carlo Porta Francesco Malaspina e lo chef dell’Istituto

L’intesa è stata presentata oggi dall‘assessore all’Istruzione, Formazione e Lavoro di Regione Lombardia Valentina Aprea, insieme a Renan Paes Barreto, ambasciatore e console generale del Brasile a Milano, Francesco de Sanctis, direttore generale Ufficio scolastico regionale per la Lombardia e a Francesco Antonio Malaspina, preside dell’Istituto professionale Servizi per l’enogastronomia e l’ospitalità alberghiera ‘Carlo Porta’ di Milano.

SETTORI DI COLLABORAZIONE – L’ambito della collaborazione riguarda i settori dell’enogastronomia, dell’accoglienza turistica e della gestione eventi, in vista di Milano Expo 2015.

PERFETTA SINTESI DEL MODELLO LOMBARDO – “Questo accordo rappresenta al meglio la sintesi di come intendiamo lavorare – ha commentato l’assessore Aprea -, anzi, è un modello, perché mette in rete il mondo della scuola, del lavoro e l’internazionalizzazione in vista del grande appuntamento con Expo 2015”.

“L’istituto Carlo Porta e tutti gli altri che vorranno entrare un  questa rete virtuosa – ha aggiunto – interpreta perfettamente lo slogan che abbiamo coniato per questo nuovo anno scolastico, ‘Trovare Lavoro nella Scuola’”.

AMBASCIATORI DEL MADE IN ITALY – Alla rappresentanza degli studenti dell’Istituto presenti a Palazzo Lombardia l’assessore ha rivolto la raccomandazione a studiare tanto e bene, in quanto, con una buona conoscenza delle tradizioni e della storia italiana, possono diventare “Ambasciatori del Made in Italy nel mondo“.

DURATA ACCORDO – Il Protocollo ha la durata di due anni scolastici e prevede la realizzazione di molteplici attività formative dedicate ai giovani, agli insegnanti e agli operatori di settore in ambito internazionale.

risottino

NOVE PROPOSTE DI MENU ENTRO DICEMBRE 2013 – Il primo concreto ambito di collaborazione consisterà nella presentazione, entro il mese di dicembre 2013, da parte di gruppi di studenti dell’istituto Porta e del Senac, di nove menu elaborati con prodotti del territorio di appartenenza e corredati da schede di approfondimento in cui sono riportati costi (e la relativa economicità della proposta), le caratteristiche organolettiche e nutrizionali, gli aspetti storici, geografici e culturali delle aree di provenienza dei piatti e delle materie prime con cui sono stati ideati. Per la realizzazione delle proposte gastronomiche è previsto il coinvolgimento di tutte le aziende della filiera.

INIZIATIVA APPREZZATA – Grande soddisfazione è stata espressa dal console generale del Brasile a Milano, secondo il quale l’intesa “E’ molto proficua, realizzata a distanza di soli cinque mesi dal primo incontro e apre prospettive di estensione anche ad altre realtà formative brasiliane. Un esempio di concretezza”. Una best practice valutata molto positivamente anche dal  direttore generale Ufficio scolastico regionale per la Lombardia: “Questo progetto sarà il nostro fiore all’occhiello – ha evidenziato de Sanctis -, perché la sua trasversalità è un elemento qualificante per i nostri studenti. Un esempio davvero efficace, che intendiamo proporre ad altre reti di scuole, in modo da incrementare la partecipazione non solo in vista di Expo 2015 ma anche oltre l’Esposizione universale”. (Ln)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.