Dal 30 agosto all’1 settembre Monterosso celebra lo Sciacchetrà, il vino che imbandisce le tavole dei re

Sciacchetrà coverDa molti viene definito uno dei più celebri passiti italiani. Niente di più falso. Lo Sciachetrà è sconosciuto ai più, perché se nasce in un luogo turistico amato e osannato, è anche vero che le quantità prodotte e il costo elevato, ne fanno una riserva per pochi gourmand.

Si tratta di un vino passito che rientra nella DOC Cinque Terre dal 1973 e che è da sempre accompagnato dal fascino proprio delle sue straordinarie caratteristiche organolettiche, nonché dalla sua lunga e delicata lavorazione. 

Partiamo dai miti da sfatare. Ormai è chiamato e commercializzato dai più come “Sciacchetrà”, ma si tratta di un errore frutto di trascrizioni ed abitudini. Ma il dialetto ligure non riporta quasi mai consonanti doppie, men che mai in questo caso. Sono i termini “sciac” e “trac” ad aver dato – molto probabilmente – il nome a questa perla dell’enologia italiana. “Schiacciare” e “tirare”: gesti del rito della pigiatura che segue all’appassimento delle uve. 

Sciacchetrà 1Il desiderio di accendere i riflettori su una produzione che non solo qualifica l’offerta enologica delle Cinque Terre, ma contribuisce a conservare un pezzo importante di tradizioni e cultura ligure, nonché a tutelare un paesaggio nominato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, ha fatto nascere il progetto del FESTIVAL del PASSITO delle CINQUE TERRE.

Un week-end per poter fare il punto della situazione e tastare il polso ad una produzione che è anche simbolo di tradizioni e di un territorio unico nel suo genere, assieme a giornalisti di settore e tecnici, attraverso riflessioni e degustazioni guidate.  Un progetto che nasce, non a caso, al compimento dei 40 anni di una DOC che ritrova nello Sciachetrà la sua massima espressione. 

Sciacchetrà manifesto L’obiettivo: dar vita ad una sorta di Osservatorio Permanente che si riproponga annualmente con incontri mirati ed anche pubblici, che possa trasformarsi in un Consorzio unito che rappresenti le Cinque Terre sul mercato. L’iniziativa è promossa dall’Associazione Culturale “Amici delle Cinque Terre”, dal Parco Nazionale delle Cinque Terre, dai Comuni di Monterosso al mare, Riomaggiore e Vernazza.  A sostenerla la Cassa di Risparmio e la Fondazione della Cassa di Risparmio di La Spezia, la Camera di Commercio di La Spezia e la Società Aeroporti di Roma.

I NUMERI. Il vigneto Cinque Terre non supera i 100 ettari totali, nella quasi totalità destinati alle tre varietà contemplate nella DOC: Albarola, Bosco e Vermentino.  “A quarant’anni dall’istituzione della DOC Cinque Terre era tempo di progettare con più forza il futuro, dapprima costruendo un appuntamento annuale dedicato alla nostra produzione simbolo che è lo Sciacchetrà, poi tentando di unire tutti i produttori in un Consorzio che ci dia più forza nei confronti del mercato” – racconta Luigi Grillo, produttore e presidente dell’Associazione “Amici delle Cinque Terre”. “I tempi sono maturi per ricordare, sia ai consumatori che alle istituzioni, quanto prezioso sia il lavoro dei piccoli produttori nella tutela e nella valorizzazione di un territorio tanto bello quanto delicato”.

sciacchetrà con mareLa prima edizione del Festival prenderà il via venerdì 30 agosto con una visita guidata alle cantine locali e l’accoglienza dei giornalisti e degli esperti. Seguirà il sabato un convegno dedicato allo Sciachetrà ed una degustazione guidata al Molo dei pescatori a Monterosso al mare.

Domenica 1° settembre – invece – i produttori e le istituzioni si daranno appuntamento all’Azienda Agraria Buranco al fine di avviare un progetto che porti alla nascita di un consorzio territoriale.

Tutti i dettagli nel PROGRAMMA di seguito:

Venerdì 30 agosto (dalle ore 17 alle ore 19)

Ritrovo presso il Comune di Monterosso – Piazza Garibaldi

Accoglienza e visita guidata alle vigne e alle cantine delle Cinque Terre aderenti al Festival

Sabato 31 agosto

 Ore 10,30 Le Cinque Terre viste dal mare

 Gita in barca attraverso i cinque borghi Monterosso, Vernazza, Corniglia, Manarola e Riomaggiore.

 Ore 17,30 Convegno – Piazzetta Belvedere – Monterosso

 “Il futuro di un antico Re: lo Sciacchetrà, un grande testimone del patrimonio enologico italiano”

 Modera Antonella Petitti, giornalista enogastronomica 

 Saluti istituzionali:

 Luigi Grillo, presidente Associazione “Amici delle Cinque Terre”

 Angelo Betta, sindaco di Monterosso

 Vittorio Alessandro, presidente del Parco Nazionale delle Cinque Terre 

 Renzo Guccinelli, assessore Attività Produttive Regione Liguria

 Rosario Monteleone, presidente Consiglio regionale della Liguria

 On. Giuseppe Castiglione, sottosegretario al Ministero dell’Agricoltura

Lo Sciacchetrà: “un passito raro”   Sergio Pappalardo  viti- enologo e Walter De Batte’ produttore

Lo Sciacchetrà nel bicchiere e nella cultura enologica e popolare: Antonello Maietta, presidente nazionale AIS- Marzio Berrugi, docente e responsabile di zona CTN – FISAR

Le vigne nelle Cinque Terre: non solo vini, ma anche tutela ambientale e difesa del suolo. Confronto tra geologi, agronomi, rappresentanti delle istituzioni.

Renata Briano, assessore all’Ambiente Regione Liguria,  Luigi Grillo, responsabile nazionale PDL Infrastrutture e Lavori Pubblici,  Pietro Lunardi, ex Ministro Infrastrutture, Michele Presbitero, geologo,  On. Andrea Orlando, Ministro dell’Ambiente

Ore 19 Molo dei Pescatori – Monterosso  

 Degustazione guidata degli Sciacchetrà presenti al Festival

 I dolci della tradizione ligure incontrano lo Sciacchetrà

 Abbinamenti a cura dei sommelier AIS

Domenica 1° settembre  ore 11

 Azienda Agraria Buranco s.r.l.,  Via Buranco 72 – Monterosso 

Tavola rotonda  con la partecipazione delle istituzioni e dei produttori delle Cinque Terre

“Verso un Consorzio in nome del vino locale, uniti per affrontare il mercato”

Tutte le attività sono aperte ad un numero chiuso di esperti ed appassionati previo INVITO o con prenotazione obbligatoria all’indirizzo e-mail redazione@rosmarinonews.it

Per ulteriori info e/o eventuali interviste: Antonella Petitti, giornalista enogastronomica – 338.1916118

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.