Ambiente Italia. A Monterosso (SP), il luogo del cuore che ha bisogno di noi

di Nicoletta Morabito

Questa storia la devo raccontare in prima persona perché frequento Monterosso (SP) e il suo territorio da tantissimi anni, è il mio luogo dell’anima, la mia seconda casa, il mio rifugio. Il Convento dei Cappuccini è uno dei luoghi più belli che io abbia mai visto, si trova abbarbicato su un promontorio tra il paese vecchio e Fegina, la parte più moderna di Monterosso, e dall’alto domina tutto il golfo.

VistaMAREwebLa notte del 21 marzo 2013, dopo un diluvio simile a quello che causò l’alluvione del 2012, è crollata una parte del muraglione seicentesco che conteneva l’orto e i vigneti del convento, invadendo la strada sottostante e rendendola impraticabile. Un altro colpo terribile per questo territorio già ferito gravemente.

Si deve dare atto a Padre Renato che si è subito attivato per recuperare i soldi necessari a riparare con urgenza la frana e così sono stati organizzati concerti, spettacoli, cene, incontri. Purtroppo ci sono altri interventi da fare in fretta, a rischio i muri che contengono la limonaia e la grande Statua di San Francesco che sta sotto il convento. Per riparare i danni serve una cifra considerevole: 500.000 Euro, per questo Padre Renato, l’unico frate che vive nel convento e che ne è responsabile, ha deciso di partire con una raccolta fondi via web, un crowdfunding.

chiostroweb<<Abbiamo scelto BuonaCausa.org – rivela padre Renato – perché è risultato il portale più limpido e affidabile, ma diamo comunque la possibilità di sostenere la causa anche direttamente dal nostro sito. Tra poco sarà online anche una piattaforma per l’estero, dove le 5Terre e il convento sono molto conosciuti e amati>>.

La campagna “Ripariamo il paradiso di Monterosso” si avvale anche di un filmato straordinario dal titolo “ In volo sul cuore” girato da un drone che ha ripreso il convento di Monterosso e i dintorni. Frate Renato ha ricordato che il filmato è nato per la generosità e il lavoro della Dronesense srl del Polo Tecnologico pisano di Navacchio Cascina e delle produzioni televisive Englishtime e di Massimo Giani che ne hanno curato le immagini a terra. Le musiche sono originali a firma di Mauro Ghirlandini.

Il primo posto come “luogo del cuore” di FAI si è tramutato in un assegno da 50.000 euro, che però deve ancora arrivare. <<Non sono arrivati invece aiuti da parte dello Stato e delle Istituzioni- ha commentato padre Renato – per questo il convento è diventato sede di numerose attività non solo spirituali, come eventi culturali, mostre d’arte, serate tematiche come le cene medioevali, le visite guidate nel convento, i ritiri spirituali e l’accoglienza nelle celle dei frati adeguatamente adattate per i turisti>>.

padrerenatowebIl convento non riceve neppure contributi dalla Chiesa di Roma in quanto di competenza dell’ordine laico. Costruito dai monterossini per accogliere i frati francescani cappuccini nel lontano ‘600, il convento, con annessa la Chiesa di San Francesco, non solo è un esempio perfetto dell’architettura francescana, di rara eleganza nelle sua essenzialità, ma custodisce nella sua chiesa una crocifissione attribuita a pittore fiammingo A. Van Dyck, un San Gerolamo penitente di Luca Cambiaso e nel refettorio La Veronica di Bernardo Strozzi.

Un luogo di tale bellezza non può crollare a causa della pioggia, sarebbe un peccato mortale. Merita solo di essere salvato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.