8 marzo: l’agricoltura rosa invade le piazze e mette in mostra i prodotti delle campagne italiane

8 marzo e agricoltura rosa. L’altra metà della terra scende in piazza. E lo fa in occasione dell’8 marzo con le Donne in Campo della Cia, che oggi hanno invaso i centri storici italiani mettendo in mostra i tanti “tesori” del made in Italy agroalimentare e i tanti segreti dell’agricoltura al femminile, custode delle tradizioni, ma anche innovativa e attenta all’ambiente. 
Dalla pasta madre al compost ‘bio’ per piante e fiori, dai prodotti d’eccellenza a quelli dimenticati, fino all’agricoltura ‘alla spina’ e allo scambio di semi. Una carrellata di sapori e saperi delle campagne, che per un giorno ha trasformato tante città italiane in grandi ‘atelier’ della nostra agricoltura. In cui le opere d’arte sono i prodotti della terra. Lo afferma l’associazione femminile della Cia-Confederazione italiana agricoltori, in occasione delle varie mostre mercato che oggi si sono svolte a Venezia – dove erano presenti il presidente nazionale della Cia, Giuseppe Politi, e la presidente di Donne in campo Mara Longhin – , a Milano, Firenze, Lucca, Padova e Avellino.
I prodotti agroalimentari sono creazioni culturali: questa è la convinzione alla base delle tante iniziative di oggi, che sottolineano la ricchezza dell’agricoltura al femminile, scrigno di memorie della ruralità di una volta, ma anche di grande slancio imprenditoriale e attenzione al sociale. Perché la convinzione – sottolinea Donne in Campo-Cia – è che etica e business non siano incompatibili. Ccome spesso, purtroppo, si crede. Si può produrre reddito incentivando contemporaneamente salute, ambiente, biodiversità, cultura rurale e territorio. Così come accade nei regni della multifunzionalità rurale, come gli agriturismi, le fattorie sociali e gli agriasili. Da sempre prerogative delle imprenditrici.

I laboratori pratici

Non sono mancati per l’8 marzo anche i laboratori pratici dell’agricoltura rosa. Volti al coinvolgimento e alla formazione ambientale e agricola. A Firenze le Donne in Campo hanno dato lezioni di tecniche volte alla realizzazione e alla manutenzione degli orti cittadini.

Il baratto

Ad Avellino, invece, nell’ambito delle iniziative del 10 marzo ci sarà spazio per il baratto di prodotti, semi, spezie, saponi e detersivi naturali, in nome di una concezione tutta femminile di economia domestica. Ma nell’8 marzo delle agricoltrici della Cia c’è posto anche per il sociale. A Padova, infatti, oggi le Donne in Campo sono scese in piazza con il proprio mercato contadino. Ribadendo il proprio ‘no’ alla violenza di genere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.