Prezzo latte senza freni, Coldiretti : record a 52,58 centesimi al litro

Non si ferma la corsa del prezzo del latte in Italia che alla stalla raggiunge il nuovo record storico di 52,58 centesimi al litro in aumento del 2 per cento rispetto alla settimana scorsa e del 25,5 per cento rispetto allo scorso anno, nell’ultima quotazione “spot” settimanale alla borsa di Verona che è insieme a quella di Lodi il punto Late coverdi riferimento nazionale. Lo ha reso noto Coldiretti. A crescere su valori massimi sono stati anche i prezzi del latte pastorizzato importato come quello in arrivo dalla Germania che ha toccato il record di 53,61 centesimi al litro. L’andamento crescente delle quotazioni è stato determinato a livello internazionale dalla scarsità dell’offerta nei principali Paesi produttori che ha condizionato le importazioni in Italia dove peraltro – ha precisato Coldiretti – è in calo il latte raccolto. L’andamento delle quotazioni sta garantendo ingiustificate rendite speculative alle industrie di trasformazione che hanno firmato un accordo per il semestre agosto 2013 – gennaio 2014 per un prezzo alla stalla di 0,42 euro/litro in Lombardia, che con responsabilità non è stato accettato da Coldiretti perché non riesce a coprire neanche i costi di produzione degli allevamenti. Non si è mai verificata –  ha denunciato Coldiretti – una forbice tanto alta e per un periodo così lungo tra il prezzo spot e quello dei contratti. Un guadagno ingiustificato per l’industria a danno degli allevatori che – ha sostenuto Coldiretti – sono costretti ad affrontare un aumento stellare dei costi energetici e dell’alimentazione del bestiame che ha fatto chiudere le stalle.

Latte 1Il prezzo fissato dall’accordo – ha spiegato Coldiretti – va dunque assolutamente al più presto adeguato al rialzo. Dall’inizio della crisi nel 2007 ad oggi hanno chiuso in Italia oltre il 15 per cento degli allevamenti italiani con la produzione di latte che nei circa 38mila  allevamenti rimasti nei primi sei mesi del 2013  si è ridotta in media di oltre il 3% rispetto allo scorso anno, secondo le elaborazioni Coldiretti su dati Agea, ma è possibile che il deficit possa ulteriormente aggravarsi. Il taglio della produzione – ha concluso  Coldiretti – è stato del 2,45%, in Lombardia, 2,15% in Emilia Romagna, del 2,73% in Piemonte, del 5,86% in Friuli, del 4,70 in Veneto, del 7,86% nel Lazio, del 5,40% in Puglia, del 4,89% in Campania e del -4,76% in Sardegna, con il record negativo fatto segnare nelle Marche (-10,32%).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.