Sequestrata area di 300.000 metri quadri nel bresciano, rottami e scorie acciaieria interrati abusivamente

 
Rifiuti interrati abusivamente a Brescia in provincia. Il comandante del NOE di Brescia, Alessandro Placidi, ha parlato di una scoperta ‘angosciante’ e di vero ‘disastro ambientale’.
rifiuti interrati abusivamente Brescia
I militari dell’Arma del Nucleo Operativo Ecologico di Brescia hanno sequestrato un’area di 300.000 metri quadrati, a cavallo tra i Comuni di Ospitaletto e Travagliato, trasformata in una discarica abusiva di rifiuti pericolosi.

Accumulo

All’interno dell’area, di pertinenza di un’acciaieria, l’accumularsi delle scorie di lavorazione dell’ acciaio e rifiuti speciali ha generato una collina.

Controlli continui

I controlli sono cominciati dopo che, durante i lavori di costruzione dell’alta velocità lungo una parte del perimetro dell’area, sono venuti alla luce scorie di acciaieria e fluff. Ovvero materiale di scarto non metallico presente negli autoveicoli. Prodotto prevalentemente dalle industrie siderurgiche durante il processo di recupero dei metalli. Materiali trovati anche fino a oltre sette metri di profondità.

L’azienda agricola

L’area della provincia di Brescia in cui sono stati trovati i rifiuti abusivamente interrati, veniva coltivata da un’azienda agricola vicina. I cui lavori e commercializzazione di latte e carne al momento sono fermi. Tutto ciò, ovviamente, in attesa dei risultati delle analisi dell’ Arpa e dell’Asl sul latte e sui foraggi sequestrati dal NOE.

Risultati dei primi esami sulla radioattività

I primi esami hanno escluso la presenza di radioattività. Al momento sono due gli indagati. A loro si contestano i reati di discarica abusiva e gestione illecita di rifiuti speciali.

Misure precauzionali a tutela dei consumatori

Per precauzione, al fine di scongiurare l’introduzione nelle industrie casearie locali di partite di latte e carne potenzialmente contaminate, è stato concordato con l’Asl di Brescia il campionamento del latte e delle derrate agricole ad uso zootecnico.

Il sequestro di mais, orzo ed erba medica

Per ora sono sotto sequestro 2.000 quintali di mais, 200 di orzo, 140 di erba medica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.