Parco Cinque Terre, barbatelle di vite per risollevare agricoltura

barbatelle coverDuecentocinquanta barbatelle per tenere alta la viticoltura con la creazione di nuovi vigneti  e garantire la valorizzazione dei caratteristici terrazzamenti conosciuti in tutto il mondo e messi a repentaglio dal dissesto idrogeologico. E’ l’iniziativa del Parco Naturale delle Cinque Terre, che in questi giorni ha avviato la distribuzione di 250 barbatelle – 200 riservate ai produttori di vino Doc, 50 per gli altri viticoltori – per la creazione di nuovi vigneti. “La viticoltura  riveste un ruolo di fondamentale importanza per il mantenimento dell’assetto idrogeologico e della valenza paesaggistica del territorio terrazzato delle Cinque Terre e costituisce elemento essenziale per la conservazione delle peculiarità del Parco. Mettendo a disposizione di coloro che intendono coltivare i terrazzamenti le barbatelle necessarie al mantenimento della viticoltura – afferma il direttore del Parco Patrizio Scarpellini – vogliamo dare un messaggio ben preciso: il turismo e l’agricoltura devono andare avanti di pari passo. Dobbiamo portare avanti azioni che spingano il turista che arriva sul nostro territorio a consumare il vino locale, prodotto con uve coltivate nei terrazzamenti a picco sul mare”.

barbatelle uva Il vino delle Cinque Terre rappresenta, da secoli, un prodotto locale rinomato in tutto il mondo e il Parco, assegnando le barbatelle a chi ne fa richiesta, contribuisce alla conservazione e alla creazione di nuovi vigneti.

Potranno presentare la richiesta i proprietari o i conduttori di terreni ricadenti nella perimetrazione del Parco Nazionale delle Cinque Terre, allegando attestazione di proprietà (visura catastale, atto notarile o documento di riconoscimento del proprietario del terreno in caso di conduzione), estratto di mappa, documento di riconoscimento del richiedente e documentazione fotografica dello stato in cui si trova il terreno. Le opere dovranno essere realizzate entro 6 mesi dalla fornitura delle barbatelle.

 Il personale dell’Ente Parco, in collaborazione con il Corpo Forestale dello Stato, si riserva di verificare che i quantitativi riportati nell’istanza di richiesta di barbatelle siano poi realmente utilizzati. Qualora non venissero realizzate nel termine stabilito, gli interessati potranno chiedere una proroga dei termini nei limiti valutati eccezionalmente dall’Ente Parco o dovranno procedere alla restituzione del materiale assegnato a loro cura e spese o, nel caso in cui fosse deteriorato, alla sua monetizzazione.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.