Nutrire la Franciacorta: sinergie contro la disoccupazione

castelloOldofrediPadernoFranciacortaL’agricoltura come ammortizzatore sociale e la Franciacorta che da terra vocata e produttrice dei più evoluti vini italiani DOCG secondo il metodo classico si trasforma in culla di un progetto salva giovani, precari e cassaintegrati che, grazie a sinergie produttive integrate tra enti locali e Terzo Settore, potranno ben sperare in un impiego.

NUTRIRE LA FRANCIACORTA, questo è il titolo scelto, in vista dell’Expo 2015, da tre realtà da tempo unite per salvaguardare il territorio: la Franciacorta dei comuni, guidata dal sindaco di Paderno Franciacorta, Antonio Vivenzi, la condotta Slow Food Oglio, Franciacorta e lago d’Iseo e la cooperativa sociale Clarabella, costituita nel 2002 per sviluppare le attività agricole e creare opportunità lavorative per persone con disagio psichico.

Al centro del progetto l’uomo, l’amore per la propria terra e la possibilità di dare ai cittadini in comodato d’uso gratuito terreni agricoli demaniali incolti o inutilizzati, attraverso la gestione della cooperativa sociale e destinati al recupero di antiche varietà di grano (monococco) e granoturco. La grande sfida è infatti riqualificare e valorizzare le storiche filiere agroalimentari della Franciacorta e in questo senso le “Comunità del Cibo” di Slow Food possono fornire un valido modello da replicare.

Paderno Franciacorta (BS), capofila dell’iniziativa, è già un comune virtuoso – impegnato da anni nella salvaguardia del paesaggio – ed ecosostenibile, come dimostra l’efficienza energetica dei suoi edifici pubblici.

Ma il primo cittadino, Antonio Vivenzi, ha già inviato il piano a tutti i Comuni della zona e si rivolge anche ai privati: tutti coloro che possiedono terreni in stato di abbandono – per i quali pagano comunque tasse elevate – potrebbero accettare di metterli a disposizione della comunità gratuitamente in cambio di un adeguato sgravio fiscale.

vignacapriolowebHanno già raccolto il testimone Iseo, Corte Franca e Capriolo, ma il rispetto per la storia, il desiderio di ridare dignità ai numerosi prodotti locali e la volontà di valorizzare la regione da un punto di vista gastronomico, muoveranno altri ad unirsi alla brillante idea facendo di questo distretto un’eccellenza del vero Made in Italy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.