Mantova: futuro ancora incerto, troppi fattori di criticità dice associazione Apima

“Il 2012 e i primi tre mesi della meccanizzazione agricola possono riassumersi con questo slogan: incertezza totale per il futuro”. E’ la sintesi della relazione del presidente di Apima (Associazione Provinciale Imprese di Meccanizzazione Agricola) Mantova, Marco Speziali, intervenuto alla 77ª assemblea annuale del sindacato delle imprese agromeccaniche e agricole, convocata oggi a Corte Peron di Marmirolo, alla presenza del direttore di Apima, Sandro Cappellini, delle istituzioni territoriali e del presidente nazionale di Confai, Leonardo Bolis.

 

LE CAUSE DI UNA SITUAZIONE DIFFICILE – A partire dal sisma che ha colpito il Basso mantovano e ha provocato danni per oltre 6 milioni di euro nelle imprese dei contoterzisti, l’elenco di Apima che descrive un anno difficile passa attraverso i rincari del gasolio agricolo (+40% in due anni), l’Imu agricola, con disparità fra conduttori e proprietari e fra agricoltori e agromeccanici; burocrazia inutile in aumento, obbligo del patentino per condurre mezzi agricoli e della revisione; difficoltà di accesso al credito; incognita sull’esito dei negoziati della riforma della Pac.

“Problemi ai quali possiamo aggiungere, una primavera partita a singhiozzo e all’insegna del maltempo – aggiunge Speziali – l’aumento dei furti di trattrici e mezzi agricoli nelle campagne, la piaga delle aflatossine nel mais, l’ondata di suicidi fra gli imprenditori strozzati dai debiti, più di 30 vittime da gennaio, disparità croniche fra imprenditori agricoli e imprenditori agromeccanici”.

 

Sono molte le ombre che il numero uno del sindacato di via Altobelli evidenzia. “Siamo preoccupati, è indubbio che la crisi ha rallentato gli investimenti delle imprese agromeccaniche – prosegue Speziali -. Eppure, non possiamo dimenticare i molti passi avanti compiuti da Apima negli ultimi 12 mesi, come la nascita delle sezioni dei proprietari terrieri e degli affittuari, la nascita di Confai Academy per garantire una più ampia formazione delle imprese”.

 

Il ruolo della meccanizzazione in agricoltura, come già ricordato dal prof. Franco Scaramuzzi, presidente dell’Accademia dei Georgofili, è stato di grande impulso per la crescita del settore primario, così come quello della genetica. E in provincia di Mantova, specifica Speziali, “il giro d’affari sviluppato dai contoterzisti ha sfiorato i 120 milioni di euro, in sostanziale equilibrio rispetto all’anno precedente. Però, una cosa è il fatturato, un’altra gli incassi e altro ancora i profitti”.

 

NORME UE E MANCATO RECEPIMENTO IN ITALIA – Il reddito delle imprese di meccanizzazione agricola, nonostante il ruolo insostituibile nelle operazioni di raccolta e di sostegno di molte attività agricole, è eroso anche per effetto di disparità che l’Unione europea ha già superato, indicando l’apertura delle misure dello Sviluppo rurale al contoterzismo che fa innovazione. “Eppure – rimarca il presidente di Apima Mantova – l’Italia non ha ancora recepito nei propri regolamenti il segnale di Bruxelles e non adotta un provvedimento definitivo per inquadrare nel settore primario l’imprenditore agromeccanico, favorendo, in questo modo, fenomeni di concorrenza sleale”.

 

INVESTIRE SULL’AGRICOLTURA BLU –  Il futuro vedrà la terziarizzazione agricola sempre più protagonista del primario. “Pensiamo all’agricoltura blu – afferma il presidente di Confai, Leonardo Bolis -. Abbiamo gli strumenti e possiamo essere i registi di una nuova agricoltura sempre più sostenibile. Siamo chiamati non solo a coltivare, ma anche a educare la filiera, per allargare gli orizzonti della produzione. Proprio per questo riteniamo sia miope voler escludere gli agromeccanici dall’agricoltura, soprattutto perché le battaglie sono comuni e fra gli associati di Apima le imprese agricole e i proprietari terrieri sono in aumento”. Un invito alla collaborazione colto dal presidente regionale di Cia Giovani, Davide Bulgarelli. “L’unione fa la forza, la nostra porta è aperta”, è l’invito. Una richiesta di sinergia con Agrinsieme, la rappresentanza di Cia, Confagri e il mondo cooperativo “è già stata inviata da Confai – specifica il coordinatore nazionale, Sandro Capellini – vedremo quale sarà la risposta”.

IN ARRIVO 4 MILIONI PER RISARCIRE DANNI SISMA – Dalla Camera di commercio di Mantova, intanto, buone notizie sul fronte del terremoto. “Dalla prossima settimana metteremo a disposizione 4 milioni di euro per le imprese – annuncia Carlo Zanetti, presidente camerale – bisogna andare avanti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.