Ferragosto alla Mica, dove la milanesità è uno spettacolo di gusto

È arrivata in pieno centro, a pochi passi dalle guglie del Duomo, la seconda Mica, la Michetteria milanese di Federico Gordini e Matteo Ungaro, aperta dalle 7.30 a mezzanotte, 7 giorni su 7, ferragosto compreso.

L’invenzione è nel mix di passato e presente, tra rustici sapori della tradizione milanese e le nuove frontiere del più sano street food Made in Italy. Il progetto di cucina, quella che ha saputo evolversi senza contaminarsi, nasce dalla fortunata collaborazione con Fabiano Guatteri, giornalista e scrittore enogastronomo, studioso attento della cucina milanese. Quella dei piatti ricchi di storia che non si sono assoggettati al diffondersi incontrastato della pummarola della cucina mediterranea, ma sono rimasti nascosti nelle case dei milanesi dove venivano utilizzati il burro, il riso, la carne, i salumi e i pesci d’acqua dolce, perfino le varietà sconosciute delle vicine risaie. Da questa idea ha origine il principio fondatore di Mica, che prevede tipicità, novità e raffinatezze dalla colazione all’Happy Hour.

Impossibile perdersi di prima mattina il tipico panettone, le veneziane, le chiacchiere, la charlotte di mele e la più famosa Milanesina, la golosissima brioche con glassa di mandorle.

All’ora di pranzo Mica offre poi un’ampia scelta di prodotti a base della tradizionale Michetta, la piccola rosa di pane portata nel capoluogo lombardo dai funzionari austro-ungarici nel ‘700 e poi resa dai locali prestinè più… vuota per sopportare l’umidità, farcita con i migliori salumi: dalla classica mortadella al sublime culatello, passando per il crudo di Parma e il fiocco, senza dimenticare la pancetta piacentina o il salame felino. Tra le Speciali la mitica Enzo, dedicata al grande Jannacci e farcita con gorgonzola e mortadella. Ma la michetta ben si accompagna anche con la Nutella per dolci tentazioni fuori orario, arricchite dall’ampia scelta di dolci, tra i quali non poteva mancare il budino di riso, delicata armonia di cremoso riso vanigliato avvolto in un abbraccio di sottile pasta frolla.

Ma i piatti tradizionali non finiscono qui e la degustazione può diventare un viaggio dei sensi con i risotti, la cotoletta alla milanese, lo speciale vitello tonnato o i più meneghini mondeghili, le polpette create dalle massaie per godere il manzo lessato avanzato e arricchite con salsiccia, salame crudo o mortadella. Non è un caso che michetta e mondeghili abbiano ricevuto dal Comune di Milano il riconoscimento di Denominazione Comunale (De.Co.) per indicarne l’appartenenza al territorio e alla sua collettività.

Giuseppe Mancini, uno dei più famosi Mixologist d'Italia

Anche i drink in lista nascono dalla creativa collaborazione di Federico Gordini con Giuseppe Mancini, uno dei più famosi Mixologist d’Italia, che hanno recuperato e ripensato in chiave contemporanea storici cocktails milanesi come il Negroni Sbagliato, sapientemente mixato nel Bar Basso di Milano negli anni Sessanta dal bartender Mirko Stocchetto che al posto del gin aveva prediletto lo spumante. Ma anche l’Americano, a base di Campari, Vermut e soda e forse dedicato al pugile italiano Primo Carnera, detto l’Americano appunto, o il Milano-Milano con Bitter Campari e Rabarbaro Zucca, piuttosto che il gran mix Trattamento tenero Amorevole dello storico barman del Principe di Savoia, Angelo Zola, di Vodka, Triple Sec, Apricot Brandy, Brandy invecchiato.

Da provare le polibibite d’ispirazione futurista, tanto amate dal Marinetti e da lui ripartite, nel suo libro La cucina futurista, in decisoni (caldo-toniche per le decisioni importanti), inventine (rinfrescanti e lievemente inebrianti per favorire idee nuove), prestoinletto (riscaldanti invernali), paceinletto (sonnifere) e guerrainletto (afrodisiache). Tutta estiva, per conciliare la creatività anche in chi non va in ferie, l’Inventina proposta da Mica, a base di Asti Spumante, liquore d’ananas e succo d’arancia gelato.

Le birre sono prodotte dal Birrificio Angelo Poretti, che dal 1877 produce nel varesotto birre della migliore qualità italiana: 3 Luppoli, Originale 4 Luppoli, Bock Chiara 5 Luppoli, Bock Rossa 6 Luppoli e 7 Luppoli Non Filtrata, nella doppia versione invernale ed estiva.

Info e asporto su www.michetteria.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.