Agricoltura, assessore Fava: la difesa del settore spetta a noi

Prosegue il lavoro di confronto con le realtà produttive, il sistema associativo e le istituzioni locali avviato dall’assessore regionale all’Agricoltura Gianni Fava. Oggi l’incontro con i rappresentanti del comparto agricolo cremasco, che ha accolto l’assessore presso l’azienda Carioni di Trescore Cremasco (Cr).

TRATTARE DIRETTAMENTE CON UE – “I problemi del settore, la loro specificità – ha detto l’assessore regionale – ci spingono a intervenire direttamente nel processo di negoziazione a livello europeo. Senza più alcuna mediazione”. “Non possiamo pensare che una giovane ragazza beneventana – ha proseguito il titolare dell’Agricoltura, in riferimento al neo ministro – possa conoscere meglio di noi le vicende del latte e ci rappresenti al meglio a Bruxelles”. Il presidente di Coldiretti Lombardia, Ettore Prandini,  è invece intervenuto sul tema delle regole: “Queste – ha detto – non vanno bene dappertutto.  Diciamo stop alla logica tutta italiana, per cui fino a oggi le decisioni prese a Bruxelles ricadevano sui territori forzatamente, non riconoscendo la specificità della zootecnia padana”. Sul delicato tema della gestione dei nitrati, inoltre, l’assessore ha ribadito che “è inaccettabile che siano sempre gli agricoltori a sostenere completamente un onere, una responsabilità da suddividere con altri”.

DIFENDERE SPECIFICITÀ PRODUZIONI – Dunque, ha aggiunto l’assessore regionale, “occorre ragionare in termini di categorie omogenee: i nostri prodotti agroalimentari sono diversi da quelli prodotti in altre realtà. La nostra è un’agricoltura di eccellenza, di qualità e il nostro modello va rilanciato, non calibrato sui dettami della politica nordeuropea”. Per quanto riguarda il tema dei contributi Pac, infine, l’assessore ha ricordato che “la Regione anticiperà il 50 per cento a tutte le aziende e il 90 per cento a quelle che operano nelle aree svantaggiate“.

ATTIRARE GIOVANI, FARE IMPRESA SIA REMUNERATIVO – “La sfida dei prossimi cinque anni – ha concluso il responsabile dell’agricoltura regionale – sta nella crescita della remunerazione delle attività produttive. Perché non possiamo attirare i giovani a lavorare 365 giorni l’anno per pura sussistenza. È qui che si fanno i numeri, i grandi numeri, è qui che devono arrivare gli investimenti, perché l’agricoltura svolga in pieno quel ruolo di crescita e presidio economico e sociale del territorio che la caratterizza storicamente”. (Ln)

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.