Valtidone, vini di eccellenza:Torre Fornello, Santa Giustina, Mossi 1558

Qualità e valorizzazione del territorio obiettivo di 3 cantine in Val Tidone

Nel Piacentino, a un’ora d’auto da Milano, vitigni autoctoni di pregio

 

panoramica-tramonto-con-vigne

di Nicoletta Morabito

La Valtidone è tutta da scoprire, morbide colline che ricordano la Toscana, frutteti, boschi, castelli e borghi antichi che meritano una visita, il tutto abbellito da grandi distese di vigneti di forte  impatto visivaperitivo-torre-fornello-torta-zucchine-e-torta-di-formaggioo.

La viticoltura qui ha storia antica, ma ora tira aria di rinnovamento enologico con la ricerca e la creazioni di vini degni di competere con i migliori per inserirsi non solo nel mercato italiano di alta gamma, ma  anche  in quello estero.

Paladini di questa voglia di innovazione sono diverse cantine della Valtidone tra cui Torre Fornello a Fornello di Ziano Piacentino, Santa Giustina ad Arcello di Pianello Val Tidone e Mossi 1558 di Albareto di Ziano Piacentino. Sono realtà territoriali ed enologiche  molto diverse tra loro, ma in comune hanno l’obiettivo di fare vini di qualità valorizzando le uve autoctone come il bianco Ortrugo , la Malvasia di Candia aromatica, la Barbera e la Croatina (localmente detta Bonarda) che sono alla base del rosso Gutturnio. Inoltre si vogliono lanciare nell’avventura dell’accoglienza per dare ancora più valore a questo bel territorio.

enrico-sgorbati-gaia-bucciarelli-silvia-mandini-marco-profumo
Da sinistra: Enrico Sgorbati, Gaia Bucciarelli, Silvia Mandini, Marco Profumo

Torre Fornello

torre-fornello-malvasia-luigia

L’azienda Torre Fornello fondata nel 1998  da Enrico Sgorbati, che ne è l’anima appassionata, si estende per  60 ettari e  oggi  è la più grande realtà vitata privata del Piacentino. La gestione  delle vigne procede con  i principi della lotta biologica, con inerbimento controllato e potature molto corte  . 

La cantina è dotata di apparecchiature nuovissime e tecnologicamente avanzate che permettono la realizzazione di vini con una percentuale di anidride solforosa ancora più bassa del disciplinare biologico.

Seguire la tradizione e inoltrarsi nell’innovazione ha permesso a Enrico Sgorbati di ottenere vini di grande fascino e qualità con una caratteristica spiccata di sapidità  e mineralità.  

Torre Fornello praperitivo-torre-fornello-crostoneoduce 300.000 bottiglie all’anno e tutti i 20 vini di Enrico sono particolari, con una personalità spiccata e di alta qualità tanto che tre dei suoi vini, un bianco frizzante, un rosato e un rosso sono etichettati con il marchio di Gualtiero Marchesi che li propone nel suo ristorante milanese “Il Marchesino” in piazza della Scala. 

Enrico può vantare anche un vino bianco fermo “Una” ottenuto fa una selezione di uve Malvasia di Candia aromatica di un piccolo vigneto dal microclima particolare, con vendemmia tardiva. La rivista  Wine Spector  lo ha inserito tra i migliori 90 vini al mondo.

Santa Giustina

santa-giustina-borgo

Santa Giustina  prende il nome dall’omonimo borgo sulle colline sopra Pianello Val Tidone, con un panorama da mozzare il fiato.. Gestisce la cantina  e il vigneto da 22 ettari   la giovane Gaia Bucciarelli.  

La proprietà in realtà si estende per 120 ettari  con altre colture e bosco.   Le vigne sono all’interno di una riserva faunistico-venatoria  di 800 ettari amministrata dalla stessa famiglia Bucciarelli, dove trovano casa lupi, aquile, caprioli, cinghiali, ma soprattutto piccola selvaggina. 

trita-di-capriolo-con-villa-soldatiLa prima vendemmia è del 2004 e ora la produzione si attesta sulle 100.000 bottiglie. La colonna portante di tutta l’azienda è il legame con la natura , un “ cerchio della vita” come lo definisce Gaia, tutto è collegato da un filo invisibile tracciato da madre natura, le vinacce per esempio diventano nutrimento per la selvaggina e i 4 ettari coltivati a lavanda sono cibo per le api.  Il rispetto per l’ambiente è una costante e in vigna si seguono i principi della lotta integrata, senza ricorrere a trattamenti chimici.

santa-giustina-bonarda

La prima vendemmia a marchio Santa Giustina risale al 2004  da vitgni tipici del luogo come Ortrugo, Malvasia, Barbera, Croatina. Ne segnaliamo uno su tutti  Villa Soldati un bled   di Barbera e Croatina con qualche aggiunta segreta che rappresenta lo spirito sperimentale della famiglia Bucciarelli. Il borgo così antico e caratterstico è diventato una location incantevole per wedding e cerimonie.

Mossi 1558

mossi-controtempo-baciamano-e-foxtrot

La data la dice lunga sulla storia di questa azienda passata di padre in figlio per 500 anni, ma  nel 2014 è stata acquistata  da una giovane coppia milanese Silvia Mandini e Marco Profumo che prima si occupavano  tutt’altro, ma hanno deciso di fare il grande salto e di avventurarsi nel mondo del vino. 

Silvia e Marco si stanno facendo le ossa, imparando il mestiere e studiando come diventare bravi vinificatori, una idea di partenza è però chiara: utilizzare l’immagine del marchio Mossi, personalizzandolo e rafforzandolo senza snaturarne il passato.  

mossi-foxtrot

La produzione è suddivisa tra Grande distribuzione (400 mila bottiglie) e Horeca (100 mila), con l’obiettivo di aumentare la quota  dei  vini alto livello.  L’impegno si è concentrato sulla Malvasia Rosa  vino unico nel suo genere ottenuto da uve con una mutazione genetica naturale, da cui hanno ottenuto 400 bottiglie  e prossimamente in vista anche uno spumante  rosè.  Altra  sfida la valorizzazione dell’Ortrugo, che l’azienda produce in purezza in versione ferma, frizzante e bollicina da Metodo Charmat. Non dimentichiamo la produzione di Gutturnio tipico della zona che viene proposto in versione frizzante e si chiama Fox Trot, Prossimo progetto una struttura di accoglienza polifunzionale ricavata dalla ristrutturazione della villa padronale.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.