Liguria: siglato ‘contratto di fiume’ con Piemonte ed enti locali per bacino Scrivia

Riduzione dell’inquinamento delle acque, mantenimento della biodiversità, uso sostenibile delle risorse idriche, miglioramento della fruizione turistico-ambientale e riqualificazione del sistema ambientale e paesistico. Sono questi i principali obiettivi che si sono posti Regione Liguria, Regione Piemonte, Provincia di Genova e Provincia di Alessandria insieme a 62 Comuni e i parchi fluviali del Po e dell’Orba, con la firma del ”Contratto di fiume” per il bacino dello Scrivia, siglata a Ronco Scrivia.
 

Il documento definisce le azioni che dovranno essere messe in  campo per arrivare a una reale tutela dello Scrivia e del territorio  circostante, coinvolgendo anche tutti i soggetti del territorio. A  cominciare dall’attivazione della VAS, la valutazione di impatto  ambientale strategica, che sarà parte integrante del processo di  costruzione del piano, supportata da una cabina di regia che prevede  la partecipazione di un rappresentante della Regione Liguria, del  Piemonte, della Provincia di Genova e di Alessandria, dell’Enteparco  fluviale del Po e dell’Orba e dell’Autorita’ di bacino del fiume Po‘.
 ”In pratica – spiega l’assessore all’ambiente della Regione Liguria, Renata Briano – vogliamo adottare un  sistema di regole in cui i criteri di utilità pubblica, rendimento  economico, valore sociale e sostenibilità ambientale intervengono in  modo prioritario per la riqualificazione del bacino fluviale,  superando eventuali conflitti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.